WE COME IN PEACE

Glow 3

Novembre 2017

180 cm x 180 cm

Courtesy: L’artista

Gesso, stucco, led

Il filo sotteso che lega le diverse opere ricade nel sentimento, amareggiato seppur ancora speranzoso, nei confronti dei più comuni comportamenti umani. L’artista con questo quadro infatti, vuole confutare la tipica frase “veniamo al mondo piangendo”, spesso usata come scusa per giustificare un atteggiamento pessimistico finendo col rinnegare ogni sforzo per raggiungere un sereno vivere. Tuttavia, come dimostra la scienza in realtà nei primi stadi embrionali, quando veniamo realmente al mondo, come feti, è

molto più probabile trovarsi in uno stato di pace e conforto. Il gioco di parole nel titolo, anch’esso legato a una frase fatta, vuole, con ironia, suggerirci come ogni luogo comune può in realtà essere piegato per raggiungere scopi e significati diversi, con un po’ di buona volontà. È proprio in questo che scorgiamo nella gentile critica dell’artista la speranza di poter rendere consapevoli le persone, tramite le sue op
ere, come in un’epifania artistica, dei comportamenti poco virtuosi tipici della sua generazione.

Foto e testi di Edoardo Ralph, Anastasia Ralph e Alberto Bracalente